Seconde case: anche i sindaci oristanesi blindano i paesi con le ordinanze
Già adottate a Bauladu, Scano Montiferro e Macomer

Polizia locale

In queste ore diverse amministrazioni comunali legate alla Corona de Logu, l’assemblea degli amministratori locali indipendentisti sardi, stanno pubblicando ordinanze sindacali nell’intento di  interdire l’ingresso sui rispettivi territori dei vacanzieri d’oltre Tirreno diretti alle cosiddette “seconde case”. L’ordinanza è stata firmata finora dai sindaci di Bauladu, Girasole, Macomer, Villanovaforru e Scano di Montiferro.

“Con la speranza che molti altri paesi e città di Sardegna seguano”, affermano i dirigenti della Corona de logu.

Leggi qui l’ordinanza del Comune di Scano Montiferro

Nel pomeriggio si era avuta notizia di un analogo provvedimento adottato dal sindaco di Sant’Antioco, mentre nelle scorse ore dalla Regione è stata anticipata la notizia di una nuova ordinanza che dovrebbe essere adottata dal presidente della Regione Christian Solinas entro la giornata di oggi: si ipotizza un inasprimento dei controlli.

Leggi anche
“In Sardegna dalle zone rosse? Solinas, impara dalla Valle d’Aosta”

segue

L'articolo Seconde case: sindaci oristanesi blindano i paesi con le ordinanze sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.