In seguito alla  comunicazione da parte di Ats, è stata disposta la  chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, di sospensione del servizio di trasporto e di sospensione delle attività ludico-sportive-ricreative di gruppo per 14 giorni e quindi fino al giorno 21 maggio compreso.“Preso atto dell’estrema difficoltà di ATS Sardegna – si legge nella nota – ad effettuare in tempi congrui il tracciamento dei contatti con i positivi e quindi dell’assoluta mancanza di sicurezza della frequentazione delle scuole e spazi annessi” si dispone la chiusura degli istituti scolastici, del trasporto scolastico, delle attività ludico-sportive-ricreative di gruppo.“Abbiamo preso atto di una comunicazione precisa da parte delle Autorità sanitarie – ha spiegato il sindaco Usai – al fine di tutelare la salute di tutte le persone e di quanti si recano ogni giorno ad Iglesias per motivi di studio.Un provvedimento necessario alla luce delle difficoltà nella gestione della pandemia da parte degli organi competenti.A causa della nota mancanza di personale, ci ritroveremo per l’ennesima volta a doverci sostituire alla figure preposte all’attività di tracciamento.Ci riserveremo, nelle prossime ore, di effettuare con i Dirigenti scolastici, un’analisi dettagliata circa la presenza di casi o di potenziali casi, in modo da limitare l’effetto delle chiusure nel tempo, in sostituzione rispetto a quanto non hanno potuto fare nelle scorse settimane gli uffici di igiene pubblica”.Ats replica e specifica che “in merito all’ordinanza emessa dai sindaci di Carbonia e di Iglesias che ha previsto la chiusura delle scuole per la presenza di diversi casi di positività al covid – 19, Ats Sardegna intende precisare che quanto comunicato  dal Servizio Igiene e Sanità pubblica del Dipartimento zona sud alle amministrazioni comunali interessate è solo un consiglio prudenziale, con l’obiettivo di evitare l’ulteriore diffondersi dei contagi nel territorio.Numeri in aumento nel Sulcis: solo nel comune di Carbonia si sono registrati, nelle ultime 24 ore, 35 nuovi casi di positività al covid 19″.“Tuttavia le competenze e la decisione di chiudere o meno gli istituti scolastici – spiega il Commissario straordinario di Ats Sardegna Massimo Temussi – resta nelle mani dei sindaci, sono loro che possono decidere sulla base delle loro valutazioni”.“Respingiamo al mittente qualsiasi accusa e tentativo di strumentalizzazione sull’attività di tracciamento – prosegue il Commissario Temussi- dal momento che, proprio in questi giorni, sono state assunte cinque persone con l’obiettivo di potenziare le attività di tracciamento della zona del Sulcis Iglesiente”.“Mercoledì scorso, durante la conferenza socio sanitaria con i sindaci del territorio, abbiamo ribadito l`importanza di portare avanti la campagna regionale di screening di massa “Sardi  e  Sicuri“, unico strumento in grado di tenere sotto controllo la catena dei contagi e garantire il tracciamento sino a che non sarà conclusa la campagna vaccinale. Spiace constatare – conclude il manager di Ats Sardegna – che proprio la sindaca  di Carbonia abbia sollevato delle perplessità sulla campagna di screening per la presenza di pochi casi. I numeri invece ci hanno dato ragione: il virus del covid non è sparito, purtroppo sono presenti le varianti ed è importante monitorare la popolazione per il contenimento dei contagi “.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.