"Chiediamo impegno forte perchè la scuola riapra al più presto"

(ANSA) - ROMA, 13 MAR - Iniziativa domani, domenica 14 marzo alle 11 a Montecitorio di Priorità alla scuola: "ci troviamo per chiedere un vero cambio di passo nei confronti della scuola, chiediamo un impegno forte perché la scuola riapra al più presto e chiediamo che si adottino tutte le misure necessarie perché resti aperta fino alla fine dell'anno".

"Dopo un anno di scuola a singhiozzo la situazione - aggiunge il Comitato - è ormai gravissima, siamo alla catastrofe. La chiusura della scuola sta producendo danni gravissimi e a lungo termine, sia in termini di perdita di apprendimenti, che di equità sociale sia e, soprattutto, in termini di danni psicologici. Danni che peseranno sull'intero Paese negli anni a venire. I ragazzi e la scuola intera da oggi vanno di nuovo in apnea. E' importante che sappiano che sarà per poco e che dopo si farà di tutto per permettere loro di finire l'anno scolastico dignitosamente.

I ragazzi e i bambini non si ammalano e trasmettono il virus meno degli adulti (anche le varianti) abbiamo il dovere di garantire che le decisioni che li riguardano siano prese nel loro primario interesse. Oggi si chiude ma se quando si riaprirà non si controlleranno gli assembramenti senza mascherina dovremo tornare a chiudere. Non si può più chiudere la scuola! Chiediamo che il Governo dia seguito alle sue belle parole e dimostri con i fatti l'importanza dell'istruzione.

Si prenda ogni misura affinché la scuola possa restare aperta!", conclude il Comitato. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.