'Gli studenti non sanno più come andare avanti'

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Questa mattina gli studenti del collettivo Zona rossa hanno occupato il Cremona-Zappa, liceo scientifico e istituto tecnico di Milano per "lanciare un forte messaggio" alla politica che sta facendo "giochi di poltrone mentre gli studenti non sanno più come andare avanti". La richiesta è quella di tornare "nelle nostre scuole", hanno spiegato via Instagram, ma "non come le abbiamo lasciate, non solo per essere valutati". "Vogliamo il recupero di tutta la didattica persa, vogliamo la sicurezza che ci stanno togliendo" e l'aumento dei trasporti.

"In presenza - hanno spiegato - la nostra salute è a rischio, in didattica a distanza il nostro diritto allo studio è violato.

In entrambi gli scenari siamo sempre noi studenti a rimetterci.

Per questo noi non cediamo a questo ricatto tra salute e diritto allo studio e invitiamo studenti, genitori e professori che come noi stanno subendo questa situazione sulle loro spalle a supportarci nella lotta per riprenderci il nostro diritto a un futuro dalle mani di chi ce lo sta togliendo!".

Per questo gli studenti hanno anche organizzato un presidio nel pomeriggio e venerdì parteciperanno allo sciopero nazionale della didattica. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.