Professori e studenti arrivati da tutto il Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 28 MAR - Il suono, inconfondibile, della campanella amplificato da un mini diffusore collegato al telefonino ha accompagnato oggi la protesta di duecento persone, più adulti che bambini, contro la Dad. L'appuntamento era stato fissato a Venezia, dove sono arrivati da tutto il Veneto per esprimere con più vigore la netta contrarietà dell'insegnamento a distanza. Allineati davanti alla stazione ferroviaria, tutti con le mascherina e a distanza anticovid, i manifestanti hanno ripetuto più volte lo slogan 'la scuola è In presenza'. Alcuni oratori, perlopiù insegnanti, hanno sottolineato i rischi per la salute mentale e l'impraticabilità della dad, ribadendo che le scuole sono sicure dal contagio. E' andata avanti così per circa un'ora, sotto lo sguardo delle forze dell'ordine mai intervenute, con i cartelli che rendevano chiari i motivi della protesta: 'Chiudiamo gli schermi, apriamo la scuola', 'I nostri figli rinchiusi a casa da soli si stanno spegnendo', 'La scuola vera è al 100%. La manifestazione 'Facciamo Sentire' è stata indetta dalla Rete Nazionale Scuole in Presenza. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.