'Si discute sospensione ordinanza Regione stop lezioni presenza'

(ANSA) - BARI, 12 NOV - Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, ha chiesto di "essere ascoltato in sede di interrogatorio libero" nell'udienza dinanzi al Tar Puglia fissata per il 18 novembre, nella quale si discuterà la sospensione dell'ordinanza con cui la Regione, da fine ottobre, ha interrotto le lezioni in presenza in tutte le scuole, tranne in quella per l'infanzia, a causa del Covid. Accogliendo l'istanza del Codacons Lecce e di alcuni genitori di alunni di scuola primaria, il Tar ha già sospeso d'urgenza l'ordinanza della Regione, rinviando la discussione al 18 novembre.

Dopo la decisione del Tar che ha sospeso d'urgenza l'ordinanza, la Regione ne ha emanata un'altra con la quale ha recepito il provvedimento dei giudici amministrativi, lasciando però alle famiglie la possibilità di scegliere tra didattica in presenza e quella a distanza. Nel procedimento è costituito anche il Ministero dell'Istruzione. Nella richiesta di audizione del presidente Emiliano, trasmessa al Tar dall'Avvocatura regionale, si spiega che "tanto viene chiesto attesa l'estrema delicatezza della questione trattata". "Sostanzialmente - è spiegato nell'istanza - i chiarimenti che il giudice amministrativo può sempre chiedere alle parti, anche d'ufficio, possono essere assimilati all'interrogatorio libero". Altra ragione a fondamento della istanza è quella di "consentire di rappresentare elementi e dati rilevanti ma ancora in via di recepimento in documenti", per assicurare "la completezza dell'istruttoria prima dell'adozione del provvedimento cautelare". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.