Sarà il Consiglio regionale, giovedì 7 gennaio, a ribadire il No alla decisione presa dai Ministri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente di inserire la Sardegna tra le sette Regioni dove sarà realizzato il deposito unico dei rifiuti nucleari.

L’argomento sarà il primo punto all’ordine del giorno della prossima seduta dell’Assemblea. La decisione è stata presa questo pomeriggio dal Presidente Michele Pais in condivisione con  il Presidente della Regione Christian Solinas, dopo aver sentito tutti i Capigruppo.

“Dobbiamo agire subito  – ha detto il Presidente  Pais –  per opporci con la massima fermezza ad una decisione inaccettabile, prepotente, calata dall’alto, dannosa e non rispettosa della volontà dei sardi. Il Consiglio il 29 maggio del 2019 – ricorda il Presidente –  ha approvato un ordine del giorno unitario in cui si respinge ogni possibilità che la Sardegna sia inserita tra le aree idonee ad ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, nel rispetto dell’esito del referendum del 15 e 16 maggio 2011 in cui i sardi, quasi in maniera plebiscitaria, hanno espresso la loro opinione contraria a diventare sede di piattaforme dove depositare i rifiuti radioattivi. Nonostante questo, il Governo continua nel suo disegno prevaricatore. Sono certo che nella prossima seduta approveremo un provvedimento unitario  e ancora una volta risponderemo con un diniego forte  a decisioni unilaterali che vorrebbero trasformare la nostra terra in una piattaforma di deposito di scorie nucleari”.

L'articolo Scorie nucleari in Sardegna, il consiglio regionale dice No: “Decisione inaccettabile” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.