Non un’aggressione dopo un rimprovero. Bensì una reazione a uno schiaffo dopo il danneggiamento del pallone. Elisabetta Congiu, madre di uno dei minori che si trovavano nel parco S’Olivariu di Uta venerdì scorso, giorno dello scontro violento tra anziani a ragazzini sui quali indagano i carabinieri della locale stazione, fornisce la propria versione dei fatti.
Secondo la Congiu, uno degli anziani la sera di venerdì “innervosito da questi ragazzi che giocavano” nel parco, “appena gli arriva il pallone tra le mani, si toglie dalla tasca un coltello tipo pattadese, e lo squarcia”. L’anziano “dopo essersi preso una parolaccia da un ragazzo gli ha dato un bel ceffone e qui il 15enne si è difeso, gli altri li ,sono solo intervenuti per dividere. Illesi tutte e due ognuno per la propria strada”.
E invece non sarebbe finita qui. Lo stesso anziano “si è diretto verso la sua abitazione non molto distante dove aveva un bel bastone di olivastro lavorato e torna farsi giustizia” e da qui in poi parte la scena ripresa nel video da un testimone.
“Quando un ragazzo si accorge che il vecchio era diretto verso di loro con quel bastone, non di certo per indicargli la strada”, prosegue la Congiu, “gli leva il bastone” nel video, aggiunge la donna, “si vede bene l’amico del nonnino che afferra al collo uno di loro e un altro anziano che raccoglie il bastone e cerca di nasconderlo. Che dire. Uno sbaglio hanno fatto questi ragazzi quello di essersi difesi da soli”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.