Paolo Maddalena, magistrato, scelto dagli ex grillini, con 36 voti è stato il più votato nella prima giornata di votazione per il nuovo capo dello Stato. Ma cui sono stati voti anche per Amadeus e Alberto Angela, per Dino Zoff e Mauro Corona. E poi 16 preferenze per Mattarella, 9 per Cartabia e 7 per Berlusconi, 6 anche per Umberto Bossi, il primo a entrare nell’emiciclo per votare in sedia a rotelle. A stravincere sono state le schede bianche, arrivate a valanga come previsto, nella prima delle tre votazioni in cui viene richiesta la maggioranza qualificata dei due terzi degli elettori pari a 672 voti. Dalla quarta ne basteranno 505, ovvero la maggioranza assoluta.

La verità che emerge è molto chiara, confermata da una giornata convulsa dove gli incontri e i confronti politici si sono inutilmente susseguiti alla ricerca di una quadra mai trovata. Non c’è intesa su Draghi, nonostante i ripetuti incontri della giornata col leader della Lega Salvini che dell’ipotesi Draghi è il principale oppositore, ma non emerge neanche un nome alternativo forte e condiviso come da più parti auspicato, tanto da far tornare in auge l’ipotesi Mattarella.

Salvini ha incontrato praticamente tutti: il premier Mario Draghi, il segretario del Pd Enrico Letta, il leader dei Cinquestelle Giuseppe Conte e la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, a suo agio nell’interpretare il ruolo di leader della coalizione.

Al termine dei diversi incontri che avevano l’obiettivo di indicare Draghi e allo stesso tempo una valida alternativa a capo del governo, solo musi lunghi e volti scuri. Nessuna dichiarazione, tutti hanno guadagnato frettolosamente la strada più lontana dai microfoni dei giornalisti appostati per tutta la giornata la Colle. L’unico risultato, a quanto pare apprezzato da tutti, è stata proprio l’apertura di un dialogo fra gli schieramenti.

 

Insomma si è girato a vuoto per tutta la giornata, e probabilmente sarà così fino a giovedì quando il quorum si abbasserà a 505 voti, e a quel punto potranno venir meno tutte le buone dichiarate intenzioni di un nome di alto profilo e unanimamente condiviso. Si è rivelata un’illusione, insomma, quella del segretario dem Letta, convinto di risolvere tutto in 72 ore al massimo. Una curiosità: le schede bianche sono state 672, esattamente il numero della maggioranza qualificata richiesta per l’elezione del nuovo capo dello Stato.

E mentre in serata le quotazioni di Casini sono risalite, domani si ricomincia con ritmi rallentati dalle misure di massima sicurezza anti Covid, votazioni a scaglioni e sanificazioni fra un gruppo e l’altro. Fino al creativo seggio drive in riservato ai positivi al Covid.

 

 

L'articolo Schede bianche a valanga, niente di fatto per il nuovo capo dello Stato: Salvini incontra tutti, domani si ricomincia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.