Scatta il lockdown a Sennariolo: 14 casi di contagio da coronavirus
Ordinanza del sindaco Ledda

Sennariolo

Quattordici abitanti di Sennariolo sono risultati positivi al coronavirus e il sindaco Gianbattista Ledda dichiara il paese zona rossa e fa scattare il lockdown. L’annuncio è stato dato oggi, in seguito ai risultati del test molecolare su un campione dei residenti che complessivamente sono 160.

In una comunicazione ufficiale il sindaco Ledda specifica: “È fatto obbligo di rimanere a casa e limitare gli spostamenti solo per necessità nei casi consentiti dalle legge”.

Con una apposita ordinanza il primo cittadino del paese della Planargia ha anche disposto la chiusura degli uffici comunali, dei negozi e dei servizi alla persona. Chiuse anche le aree gioco, i giardini pubblici e gli altri spazi pubblici, compresi i campi sportivi.

Resterà chiuso al pubblico anche il cimitero comunale e la biblioteca del paese. L’ordinanza sospende il commercio ambulante. I divieti sono validi fino al prossimo 18 aprile.

In provincia di Oristano già il Comune di Samugheo il mese scorso aveva fatto scattare il lockdown a causa del diffondersi dei contagi da coronavirus.

Venerdì, 2 aprile 2021

L'articolo Scatta il lockdown a Sennariolo: 14 casi di contagio da coronavirus sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.