Modello 666 realizzato in collaborazione con il rapper Lil Nas

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - La Nike ha citato in giudizio il collettivo di artisti di Brooklyn MSCHF per aver trasformato un suo classico paio di scarpe da ginnastica nelle controverse 'Satan Shoes' che contengono persino una goccia di sangue umano nelle suole.

Vendute a oltre 1.000 dollari le scarpe, Nike Air Max 97 modificate e chiamate 666, sono andate esaurite in meno di un minuto. Alla loro realizzazione ha collaborato il rapper Lil Nas X che in questi giorni è uscito con il video del suo ultimo pezzo 'Montero' ('Call by your name') nel quale lo si vede scivolare dal paradiso all'inferno su un palo da pole dance con indosso le 666.

Le immagini e le scarpe fanno riferimento al versetto biblico Luca 10:18 - "Così disse loro: 'Ho visto Satana cadere come un fulmine dal cielo'".

Le scarpe hanno la classica suola ammortizzata firmata Nike, contenente 60 cm di inchiostro rosso e una goccia di sangue umano, donata dai membri del collettivo artistico.

Il gigante delle scarpe ha sporto denuncia presso un tribunale di New York dichiarando di non aver dato alcuna autorizzazione per le 'Scarpe di Satana' e intimando al collettivo di interromperne la vendita e non usare più il suo famoso 'swoosh', il classico baffo Nike. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.