Alghero

Era stato fermato all’aeroporto di Alghero in esecuzione di un ordine di cattura della magistratura spagnola

Carles Puigdemont è stato liberato, ma dovrà restare in Sardegna.

La giudice della Corte d’Appello di Sassari, Plinia Azzena, ha stabilito che l’arresto dell’ex presidente della Catalogna non è illegale, ma non ha ritenuto ci fossero motivazioni per applicare la misura cautelare. Azzena, dunque, ha accolto la richiesta in tal senso della procuratrice generale Gabriella Pintus.

Carles Puigdemont dovrà restare in Sardegna per essere sottoposto al giudizio della corte che dovrà decidere sull’estradizione.

“Al momento non sappiamo fino a quando”, ha spiegato l’avvocato dell’ex presidente della Catalogna, Agostinangelo Marras.

“La decisione arriverà in tempi certamente stretti”, ha detto ancora il legale, “e comunque nell’ordine di alcune settimane.

L’ex presidente catalano, Carles Puigdemont, è stato arrestato ieri ad Alghero,in applicazione del mandato di cattura emesso da Pablo Llarena, giudice del Tribunale Supremo spagnolo.

Puigdemont era ad Alghero, città di lingua catalana, per un convegno dove sarebbe dovuto essere ospite d’onore.

Per l’ex presidente della Catalogna un impegno anche a Oristano con La Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti sardi.

Venerdì, 24 settembre 2021

 

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.