Denunciato un 20enne rom che dopo aver fatto razzia in un'attività gestita da un cinese ha cercato di occultare la roba nel passeggino in cui stava il bimbo di appena 2 mesi

SASSARI. Una pattuglia della  Polizia Stradale ha denunciato un 20enne, per un furto aggravato. I poliziotti nel transitare nella Z. I. Predda Niedda, hanno notato un giovane che correva velocemente spingendo un passeggino per neonati. Alla vista della pattuglia  ha cercato di dileguarsi sbarazzandosi, durante la fuga, di numerosi oggetti, tutti occultati all’interno della carrozzina. Gli agenti, con l’ausilio due carabinieri fuori servizio, dopo un concitato inseguimento riuscivano a bloccare il giovane.

All’interno della carrozzina, che trasportava un neonato di soli due mesi, sono stati rinvenuti una serie di ulteriori oggetti, risultati rubati, poco prima, in un noto centro casa gestito da cittadini cinesi. Il neonato, che piangeva insistentemente, è risultato essere il figlio dello stesso giovane. I poliziotti, sentito il magistrato di turno, l’hanno affidato ad un parente giunto sul posto dopo essere stato condannato.

La merce oggetto di furto (una motosega, trucchi e altri prodotti per la persona) è stata interamente recuperata e restituita ai titolari del negozio. Il giovane di etnia rom e pregiudicato per simili reati, dopo le formalità di rito, è stato denunciato in stato di libertà per furto aggravato.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.