“Sarroch, ora i migranti sbarcano anche accanto alla Saras, in zone interdette alla navigazione: allarme sicurezza”. La denuncia di Francesco Murgia, capogruppo del Psd’Az a Sarroch: “L’arrivo dei migranti è avvenuto domenica pomeriggio verso le 17, nella zona di sa Punta: il litorale dello sbarco si trova a poche centinaia di metri da una raffineria tra le più grandi d’Europa e il mare adiacente fa parte di una zona interdetta alla navigazione. Ci chiediamo come sia stato possibile che i migranti abbiano potuto sbarcare nelle nostre coste indisturbati. La questione sicurezza non è un fatto secondario, anzi. Abbiamo esempi di attacchi terroristici dal mare contro navi petroliere e siti industriali e turistici non lontani dai nostri mari Chiediamo all’Amministrazione comunale e a tutti gli enti preposti e ai referenti industriali di intervenire per intensificare i controlli a mare e sulle coste anche con l’ausilio delle forze locali come la compagnia barracellare. La situazione non è da sottovalutare, soprattutto alla luce del fatto che dei 17 sbarcati almeno la metà erano o sono ancora irreperibili”, la denuncia su Fb di Francesco Murgia del Psd’Az.

L'articolo “Sarroch, ora i migranti sbarcano anche accanto alla Saras, in zone interdette alla navigazione: allarme sicurezza” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.