Sardegna verso la zona arancione da lunedì, Nieddu: “Indice Rt a 0,97, ora toglieteci la zona rossa”. Isola in bilico tra zona rossa e arancione, ma la situazione già domani potrebbe clamorosamente cambiare.

“Con un indice Rt fra 0,97 e 0,98 e un tasso di positività inferiore alla media italiana per numero di contagi ogni 100mila abitanti, la Sardegna ha i numeri per tornare in zona arancione già da lunedì prossimo”. Lo dice a LaPresse l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu. In corso dunque febbrili contratti tra Regione e governo.  “Abbiamo un indice di rischio fra moderato e basso e terapie intensive e degenze sotto il livello di guardia. L’unico parametro negativo è quello dei focolai, che purtroppo aumentano anziché diminuire. Ma i dati, domani avremo quelli consolidati, sono da zona arancione: vedremo cosa deciderà domani il governo dopo le indicazioni della cabina di regia, naturalmente le interlocuzioni da parte nostra con Roma sono costanti”.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, ieri, conferma l’assessore all’agenzia Lapresse, nell’isola sono arrivate 61mila nuove dosi fra AstraZeneca, Pfizer e Moderna. “Per fortuna, perché non avevamo più vaccini da somministrare”, dice Nieddu: ieri sono state inoculate oltre 13mila dosi, prossimo obiettivo le 17mila indicate da Figliuolo entro la fine di aprile.

L'articolo Sardegna verso la zona arancione da lunedì, Nieddu: “Indice Rt a 0,97, ora toglieteci la zona rossa” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.