Sardegna, rischio zona arancione anche dopo Pasqua: sino a metà aprile potrebbero restare proibite le zone gialle. Pressing del Cts sul governo: no al ritorno della zona gialla, contagi in aumento e pericoli, spiraglio di Draghi solo per la riapertura delle scuole dopo Pasqua. Ma si va verso una mini proroga degli attuali colori sino all’11 e al 15 aprile, con la Sardegna che dovrebbe restare dunque in arancione per altre tre settimane, con bar e ristoranti chiusi e divieti di spostamenti tra Comuni. Si deciderà tutto nel prossimo decreto di Draghi che verrà alla luce nei prossimi giorni, ma oggi gli scienziati sono stati chiari:; non ci sono le condizioni per allentare le restrizioni, un “mantra” che va avanti da mesi e che soltanto una campagna di vaccinazione a tappeto evidentemente potrà scongiurare. Draghi al Senato si è posto come obiettivo le 500mila vaccinazioni al giorno in Italia. Ma sui colori delle Regioni e la libertà dei cittadini non sembrano esserci svolte dietro l’angolo, l’aumento dei contagi in Sardegna sta facendo al momento svanire il sogno della zona bianca ormai sfumata e bisognerà attendere e sperare, che la situazione migliori in tempi rapidi.

Cosa accadrebbe con una proroga del decreto attuale ? In particolar modo resterebbe in vigore la prescrizione dell’articolo 1 del decreto 12 marzo che ha soppresso fino al 6 aprile le zone gialle. Quindi da mercoledì 7 fino a domenica 11 aprile avremmo un’Italia divisa tra zone rosse e arancioni (oppure bianche), con la Sardegna quasi certamente in arancione. E sino all’11 aprile resterebbe vietato anche lo spostamento tra Regioni, con la Sardegna ancora una volta isolata.

L'articolo Sardegna, rischio zona arancione anche dopo Pasqua: sino a metà aprile potrebbero restare proibite le zone gialle proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.