Contagi in aumento, l’indice RT fa paura: 1,18 siamo molto vicini a 1,25 che, in automatico, è zona rossa.A Radio CASTEDDU, il presidente della commissione regionale Sanità Domenico Gallus: “I casi si stanno moltiplicando anche quelli di totale menefreghismo di alcune persone che non hanno ancora capito che, purtroppo, questa maledetta pandemia continuerà a condizionarci soprattutto se continuiamo con lo stesso stile che stiamo adottando ultimamente, ossia  lasciandoci andare. Stiamo rischiando la zona rossa, non avete idea di cosa succede anche nelle zone interne tra pranzi e festeggiamenti: o ci diamo una regolata o altrimenti non la vedo molto bene. Con i vaccini si sta cercando di fare il massimo, ci sono tanti volontari  però ancora dobbiamo veramente tenere duro perché se lasciamo veramente andare, qui, tra un po’, si riprenderà anche a fare le feste in piazza con i balli. Io sono anche il sindaco e questa cosa non la posso e non la devo permettere anche a costo di diventare impopolare ma di mantenere i cittadini con la salute intatta.C’è la grande e atroce possibilità di andare in zona rossa, però in molti giorni, quando erano aumentati i contagi, erano aumentati anche i tamponi. Domani sapremo quasi sicuramente il nostro destino”.Risentite qui l’intervista a Domenico Gallus del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/1202828763465617/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.