L’assessore regionale della Pubblica Istruzione, Cultura e Sport della Sardegna, Andrea Biancareddu dell’Udc, deve restituire alle casse pubbliche regionali oltre 433mila euro. Lo riferisce l’agenzia di stampa Lapresse. La sentenza, depositata dai giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti (presidente Angela Silveri, consigliere Maria Elisabetta Locci, consigliere relatore Valeria Motzo), ritiene infatti l’assessore responsabile di danno erariale per fatti risalenti al periodo fra il 2004 e il 2007 ovvero alla tredicesima legislatura quando, tesoriere del gruppo Udc in consiglio regionale, Biancareddu aveva speso o lasciato spendere ai colleghi consiglieri, importi che secondo i giudici contabili arrivano al totale della cifra indicata, senza fornire o chiedere rendicontazioni. A questo importo, come riferisce l’agenzia Lapresse, vanno aggiunti la rivalutazione monetaria e gli interessi legali. I difensori dell’assessore Biancareddu hanno annunciato ricorso alla sezione centrale d’appello. La vicenda è legata al parallelo processo penale per l’uso illegale dei fondi destinati a suo tempo alle spese di funzionamento e alle attività dei gruppi politici regionali, che vede imputati decine e decine di ex consiglieri regionali.

L'articolo Sardegna, l’assessore Biancareddu deve restituire 433mila euro: “Spese non rendicontate dell’Udc” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.