Sardegna in zona gialla da lunedì, ecco come riapre tutto: bar e ristoranti ok, resta solo il coprifuoco. Ormai è certo, anche le anticipazioni del Corriere della Sera mettono l’Isola in zona gialla: bar e ristoranti aperti a pranzo e cena, riaprono cinema teatri e musei, mentre il governo cambia le regole sull’indice Rt, il coprifuoco resterà alle 22 almeno sino al 24 maggio, governo pronto a ridiscutere anche le fasce dei colori. Il 24 maggio, e non prima, nel nuovo decreto di Draghi il coprifuoco potrebbe slittare ma solamente di un’ora, alle 23: un freno sicuramente alla ripresa del turismo, come ha sottolineato ieri su Radio Casteddu l’assessore regionale al Turismo Gianni Chessa.

Dunque domani il ministro Speranza dovrebbe firmare l’ordinanza che, grazie al crollo dei contagi addirittura di oltre il trenta per cento in una settimana, riporterà la Sardegna in zona gialla. Bar e ristoranti potranno riaprire sia a pranzo che a cena, ma solamente i locali che hanno spazi all’aperto: i ristoranti al chiuso resteranno sbarrati. Il Comune promette nuovi spazi all’aperto e pedonalizzazioni. Il coprifuoco alle 22 limiterà certamente le cene, bisognerà cenare per almeno una settimana rispettando la chiusura prima delle 22. Regole che preoccupano non poco gli operatori del settore, ma certo è importante che si riapra, dopo quasi due mesi di serrata totale. Riaprono anche piscine all’aperto, per la gioia dei nuotatori, mentre le palestre dovranno aspettare il primo giugno, tra altre due settimane.

L'articolo Sardegna in zona gialla da lunedì, ecco come riapre tutto: bar e ristoranti ok, resta solo il coprifuoco proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.