Sardegna, è guerra per il Recovery. Il M5s: “Solinas nasconde i progetti”.

E’ guerra politica in Sardegna sui progetti per intercettare i 209 miliardi del recovery fund. Saltate per l’ennesima volta sia la presentazione da parte del governatore Christian Solinas che la discussione in aula. Il centrosinistra e i 5Stelle sono sul piede di guerra, nel timore che quei progetti non si riesca neppure a vederli.  La consigliera dei 5 Stelle, Desirè Manca, denuncia ancora una volta di non aver potuto accedere agli atti, come aveva chiesto per poter appunto visionare i progetti: “L’accesso agli atti previsto dal regolamento regionale non può essere negato in alcun modo, tanto meno con motivazioni pretestuose come accaduto alcuni giorni fa, quando la direzione generale della presidenza ha negato alla sottoscritta di poter conoscere i 206 progetti inviati dalla regione al governo quali priorità a cui destinare le risorse del Recovery Fund. I cittadini sardi hanno il diritto di sapere in che modo e con quali criteri la regione investirà questi fondi. Ben 209 miliardi di euro che rappresentano un’occasione unica per ridurre l’impatto della gravissima crisi legata alla pandemia che sta affossando la nostra economia”.

“Per questo – continua Manca –  ho diffidato la Regione e presentato una mozione contro questo illegittimo diniego da parte dell’amministrazione. Un comportamento in aperta violazione dei principi di democrazia e di trasparenza che – conclude la consigliera pentastellata – devono caratterizzare l’attività del Consiglio regionale”.

L'articolo Sardegna, è guerra per il Recovery. Il M5s: “Solinas nasconde i progetti” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.