La Sardegna è in zona arancione e, salvo miracoli e se non torneranno le zone gialle, ci resterà anche dopo Pasqua e Pasquetta. L’incidenza dei casi per 100mila abitanti e l’indice Rt non lasciano molte occasioni di “ritorno in zona bianca”. E l’Isola che finisce in semi-lockdown per un indicatore negativo su ventuno, totali, positivi, fa infuriare il presidente della Regione, Christian Solinas: “Abbiamo chiesto con forza al Governo una metodologia differente che prevedesse misure più rigide per quelle zone della Sardegna che hanno indicatori negativi, con la realizzazione di zone rosse circoscritte”. Insomma, come capitato in comuni quali Sarroch e La Maddalena. “Ma sin dal principio”, osserva Solinas, “abbiamo sostenuto con forza che non sia corretto che tutta la regione paghi integralmente per pochi casi isolati di mancato rispetto delle regole. Il mio dolore è soprattutto per i tanti commercianti e attività produttive, i bar e i ristoranti che sono prigionieri di questo valzer dei colori dove si apre e si chiude senza avere certezze”. Infatti,con la zona arancione i locali food non possono lavorare con tavoli e sedie a pranzo e cena, e non tutti riescono a far quadrare lo stesso i conti con l’asporto o con il servizio di consegna a domicilio.

 

 

“E, nel frattempo, si mette veramente a serio pericolo la continuità delle aziende”, rimarca il presidente della Regione.

L'articolo Sardegna arancione, “paghiamo tutti per pochi casi isolati: bar e ristoranti prigionieri del valzer di colori” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.