La Sardegna passa in zona arancione dopo 3 settimane consecutive in zona rossa. Cadono alcuni divieti, da oggi: ai potrà circolare liberamente nel proprio comune senza dover esibire l’autocertificazione. Se sino a ieri, infatti, si poteva uscire di casa solo per motivi di salute e di lavoro, adesso la motivazione non ha nessuna importanza. Riaprono i negozi di abbigliamento, i parrucchieri e gli estetisti. Ancora semi lockdown per bar e ristoranti, potranno lavorare solo con l’asporto o con le consegne a domicilio, in attesa di quel primo giugno dove, se la zona sarà gialla, potranno accogliere clienti nei tavoli esterni. Sì alle visite a parenti e amici ma solo una volta al giorno, ci si può spostare da un Comune di 5mila abitanti nei successivi 30 chilometri ma non raggiungere i capoluoghi di provincia. Così almeno sino a domenica prossima. Già venerdì, però, l’Isola saprà se il purgatorio arancione durerà solo una settimana: i numeri attuali, infatti, sono da zona gialla. E la Regione ha già avviato trattative con il Governo per evitare altri sette giorni in arancione. Resta confermato, ovviamente, il coprifuoco dalle 22 alle 5, tutti i giorni. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.