Sardegna a un passo dalla zona rossa, i Progressisti: “Informalmente già comunicato alla Regione”. L’indice Rt potrebbe condannare domani la Sardegna a una clamorosa zona rossa. Lo denuncia il consigliere regionale dei Progressisti Francesco Agus sulla sua pagina Fb: “I dati che abbiamo avuto modo di conoscere, per ora informalmente, parlano della possibilità per la Sardegna di entrare la settimana prossima in ZONA ROSSA.
Credo che oggi il Consiglio regionale debba discutere di questo e non di norme volte solo a moltiplicare posti di potere e poteri del Presidente.
Abbiamo il diritto di sapere: per intervenire su quanto NON sta funzionando nella campagna vaccinale e di prevenzione del contagio e per evitare ulteriori danni alle categorie lavorative coinvolte. Imprenditori e lavoratori che sarebbe immorale informare all’ultimo momento, come già accaduto in passato, del fatto di non poter sollevare la serranda della propria attività”, dice Agus su Fb, che ha comunque specificato di non conoscere ancora il dato ufficiale dell’indice Rt.  La notizia circola già in Regione e viene data per probabile, perchè proprio l’indice Rt potrebbe essere il parametro decisivo per portare la Sardegna a un lockdown totale, tre settimane dopo la zona bianca. Ma solo domani, con l’ordinanza del ministro Speranza, si saprà se la Sardegna davvero finirà in zona rossa o resterà in arancione.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.