Questa notte, a Sant’Antioco, i Carabinieri della locale stazione, coadiuvati dalla Norm della Compagnia di Carbonia, hanno arrestato nella flagranza del reato di violenza privata e danneggiamento aggravato un 47enne del posto, meccanico, con precedenti di polizia e denunciato per concorso in violenza privata un 41enne, muratore anch’egli del posto.
I due uomini, a bordo dell’auto di proprietà e guidata dal 47enne, hanno inseguito e sorpassato ripetutamente l’auto condotta dall’ex moglie, intimidendola e costringendola a fermarsi lungo la via Nazionale. Una volta raggiunto il loro intento e costretta la donna a fermarsi, il 47enne ha preso un martello e colpito il parabrezza e il lunotto laterale della macchina della donna. Che però fortunatamente è riuscita a chiamare il 112 e richiedere l’intervento dei Carabinieri che poco dopo hanno rintracciato  i due nelle immediate vicinanze dell’abitazione della vittima.
I militari hanno trovato nell’auto dell’uomo, il martello utilizzato per il danneggiamento. Il 47enne, dichiarato in arresto si trova ai domiciliari. Il rito per direttissima questa mattina ha confermato l’arresto, il dibattito si celebrerà il 18 febbraio. Fino ad allora  all’uomo è stata applicata la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla donna, nel raggio di 200 metri.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.