Il consigliere regionale Michele Ennas e il segretario regionale Lega, nonché presidente del comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, di vigilanza sull’attività di Europol, di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, Eugenio Zoffili hanno scelto la località di Porto Pino, teatro di numerosi sbarchi di migranti, per incontrare militanti e sostenitori. “I continui sbarchi di migranti, accresciutisi nell’ultimo periodo complice anche la bella stagione, stanno arrecando un pesante danno d’immagine al nostro territorio”, ha affermato Michele Ennas, con alle spalle gli scafi dei barchini abbandonati lungo il  canale che sfocia sul mare. “L’ultimo sbarco è, addirittura, avvenuto alla presenza di tantissimi bagnanti che si sono ritrovati ad assistere sgomenti alla scena. Una situazione paradossale, aggravata dall’assurdo e inconcepibile silenzio da parte del governo nazionale, reso ancora più incomprensibile in virtù anche dell’emergenza sanitaria, tuttora in corso, e delle positività al Covid riscontrate in alcune di queste persone che si trovano ora in quarantena”.Prosegue il leghista “Ringrazio il nostro coordinatore Eugenio Zoffili per la sua costante attenzione e auspico che la continua denuncia che dalla Regione portiamo avanti serva a ridestare dal perenne torpore il governo di Roma”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.