Sanità pubblica, tutto riaperto soltanto a parole. Visite impossibili
Desirè Manca (M5S) contro la paralisi dei servizi: “Con gli slogan non si salvano vite”

“Tutto riaperto” soltanto a parole. In realtà “assistiamo alla paralisi del servizio sanitario pubblico”. Desirè Manca, capogruppo del M5S in Consiglio regionale, contesta la distanza fra le affermazioni dell’assessore Nieddu e la realtà vissuta dai malati sardi ogni giorno.

“Alcune visite, reputate urgenti da pazienti oncologici e con gravi patologie, a tutt’oggi non vengono ancora espletate. Se si chiama il Cup per prenotare una visita specialistica, gli appuntamenti vengono fissati a distanza di mesi, quando va bene. Ma le agende ancora non disponibili non si contano. Siamo ben lontani dal tutto aperto. Qui non si riesce nemmeno a garantire il minimo indispensabile”.

Desirè Manca

“Altro aspetto inaccettabile”, scrive Manca, “è che spesso chi chiama il Cup per prenotare visite urgenti salvavita si vede costretto a fare l’esame dall’altra parte della Sardegna. E chi non può permettersi di sostenere le spese per affrontare il viaggio, a quel punto che fa? Rinuncia…. Non garantire i servizi sanitari sull’intero territorio regionale significa negare il diritto di potersi curare. Non si muore di solo Covid, la gente continua a star male, e la Regione ha il dovere di garantire il diritto alle cure”.

“Ogni giorno ricevo segnalazioni da parte di persone che mi scrivono chiedendomi un aiuto”, prosegue Desirè Manca. “L’ultimo caso riguarda una donna che non riesce a farsi fare una colonscopia con carattere d’urgenza. Tutto ciò è assurdo e inaccettabile”.

“In questo momento di grande e grave malessere, numerosissime volte ho chiesto l’intervento dell’assessore alla Sanità, senza successo”, accusa la capograppo M5S. “I miei continui appelli sono rimasti inascoltati, anche in un momento delicato come questo in cui tutta la Regione soffre per la drammatica situazione in cui versano gli ospedali, in cui la carenza di personale sanitario, di dispositivi, di apparecchiature, rappresentano di fatto il motivo principale del blocco della Sanità. La Regione sembra non sentire. E di fronte alla sofferenza dei sardi si volta dall’altra parte”.

Secondo Desirè Manca, “le stesse promesse mancate sono state fatte ai nostri eroi. Medici, infermieri, operatori sanitari, ausiliari, addetti alle pulizie: persone che hanno lavorato infaticabilmente, senza orari, spesso rinunciando alla propria famiglia, alla propria vita, e oggi sono lasciate a casa”.

“Chi in questi mesi ha gestito la Sanità producendo uno slogan al giorno avrebbe dovuto preoccuparsi di sbloccare le agende, perché con le belle parole non si salvano vite umane”, conclude la capogruppo del M5S.

Mercoledì, 19 agosto 2020

L'articolo Sanità pubblica, tutto riaperto soltanto a parole. Visite impossibili sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.