I sindacati dei poliziotti fanno quadrato per il suicidio di Sandro Sarais, il 56enne accusato del femminicidio di Mihaela Kleics che, ieri, si è tolto la vita lanciandosi da una finestra del terzo piano dell’ospedale Businco. Sappe, Uil, Pa, Pp, Sinappe e Uspp lo dicono a chiare lettere: “Il Suicidio del detenuto in ospedale è una tragedia annunciata. Abbiamo chiesto i repartini detentivi ospedalieri anche per evitarequesti epiloghi. Un suicidio rocambolesco, quello avvenuto ieri, gli agenti hanno cercato disperatamente di evitare che il detenuto riuscisse a lanciarsi improvvisamente dalla finestra priva di sbarre”. Ma non ci sono riusciti, e Sarais è morto dopo pochi minuti.“È da anni che denunciamo la necessità di poter utilizzare un repartino detentivo ospedaliero dove poter ricoverare in sicurezza i detenuti. Ci siamo rivolti al provveditore, al capo del dipartimento, ai prefetti delle varie province, al presidente della regione uscente ed a quello attuale,all’assessore alla sanità uscente ed a quello attuale, abbiamo ottenuto solo delle promesse mai mantenute. È ancora piú scandaloso il fatto che proprio a Cagliari un repartino detentivo é stato costruito con tutti i canoni di sicurezza previsti, ma sinoa poco tempo fa era utilizzato come deposito. Nel frattempo gli eventicritici si sono susseguiti negli anni: tantativi di evasione, aggressioni, danneggiamenti di camere ospedaliere e per ultimo un suicidio che poteva essere evitato se la finestra avesse avuto le sbarre come previstonei reparti detentivi ospedalieri”. I sindacati sperano “che l’autorità giudiziaria vada a fondo ed accerti le responsabilità delle Istituzioni che in questi anni non hanno messo a disposizione una struttura prevista da una legge dello Stato. Sino ad ora i poliziotti sono stati mandati allo sbaraglio a sfidare la sorte ed è quello che è successo nell’ultimo tragico evento. Non si scarichi la responsabilità sull’anello debole, gli agenti non siano le vittime sacrificali per scrollare di dosso le responsabilità di chi dovevaottemperare alle previsioni legislative. Purtroppo se, ancora una volta, la politica e le Istituzioni continueranno a trincerarsi nel consueto silenzio, le tragedie continueranno a consumarsi e gli agenti continueranno ad essere mandati allo sbaraglio costringendoli ad affidarsi alla dea bendata per superare il turno di lavoro indenni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.