Musica meno ‘pestata e rumorosa’, distanze sociali da mantenere e piena sicurezza. La ricetta per poter far ripartire il popolo della notte in Sardegna, per Sandro Murru “Kortezman”, tra i più famosi e stimati dj sardi, è semplice ma ragionata. C’è l’emergenza Coronavirus, l’estate è praticamente alle porte e lui, insieme a tanti altri suoi colleghi, negli ultimi mesi ha regalato ore e ore di musica mixata con le dirette Facebook: “Ora è il momento di tornare fuori e di far sentire la nostra presenza in sicurezza e con la distanza giusta, non potete privarci di gustarci la musica e l’aria fresca. Le discoteche riapriranno, ci vorrà del tempo e dovremo accontentarci di serate musicate e di ristorazione da seduti, ma è un piccolo spiraglio di speranza per un ritorno alla normalità”, afferma Murru: “Il mondo dell’intrattenimento non morirà e noi faremo di tutto per riaprire in sicurezza, stiamo aspettando le regole e i protocolli”.

“Noi dj professionisti”, annuncia Murru, “siamo pronti a modificare la nostra musica, dovrà emozionare senza dover far muovere i piedi ma battere i cuori”, ed è chiaro il riferimento al divieto di assembramenti nei locali. “La gente rispetti le distanze, noi ci siamo”.

L'articolo Sandro Murru: “Estate inusuale ma riapriremo le discoteche in Sardegna, la musica va gustata” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.