Nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del bracconaggio, la Stazione forestale e di vigilanza ambientale di Siniscola, supportata dal personale della Base logistico operativa navale (BLON) di La Caletta, ha rimosso, nella mattinata odierna, una grossa gabbia in metallo atta alla cattura di cinghiali, posizionata da giorni nella cima di una collina in località “La Tanca di Santoru”, nella frazione di Straulas del comune di San Teodoro.

La localizzazione, scelta con cura dai bracconieri, consentiva la dominanza visuale dell’intera area così da potersi accorgere di eventuali controlli da parte delle Forze dell’ordine. Ciò non ha impedito al personale forestale, che già dai giorni scorsi aveva intensificato i controlli con servizi mirati, di individuarla.

Il gabbione, del peso di oltre 100 kg, dotato di un meccanismo di chiusura che avrebbe consentito la cattura dei cinghiali attratti all’interno da granaglie depositate sul fondo, è stato sottoposto a sequestro penale.

Le indagini proseguono al fine di assicurare alla giustizia i bracconieri, per ora ignoti, che saranno denunciati per esercizio di caccia in periodo di divieto e con l’uso di mezzi non consentiti.

L'articolo San Teodoro, scoperto il gabbione-vedetta da 100 kg dei bracconieri: così eludevano ogni controllo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.