Niente panderas in chiesa per San Sebastiano, Ollastra piange Jessica
Quest’anno la Pro loco non organizzerà i consueti eventi di gennaio

Non solo l’emergenza coronavirus e le norme stringenti da seguire, a Ollastra non c’è la serenità per celebrare San Sebastiano: “A prescindere dal blocco imposto dalla pandemia, quest’anno come Pro loco non organizzeremo neanche gli eventi religiosi”, precisa il presidente Giampiero Flore. Una scelta dettata dal lutto che ha colpito il paese per la morte della giovane Jessica Flore.

“Quest’anno non faremo uscire Is Panderas, resteranno in sede”, spiega Giampiero Flore. “Domani sarebbero dovute entrare in chiesa, ma ricorre una settimana dalla morte di Jessica e ci sarà la messa dedicata a lei”.

Giampiero Flore

La festa di San Sebastiano, che si svolge normalmente il 19 e il 20 gennaio, è molto sentita a Ollastra. Ogni anno la Pro loco promuove rituali sacri e sapori antichi, con la sagra della fave e ceci.

Molto suggestivo è il momento in cui, dopo la messa in onore del Santo, “is panderas” fanno ingresso in chiesa accompagnate dal giogo dei buoi e si accende un grosso falò. Alle celebrazioni religiose e tradizionali si accompagnano momenti di festa, balli e degustazione di vernaccia e fave.

Torneranno i momenti per stare insieme in comunità e rivivere le tradizioni, ma quest’anno il pensiero è per la giovane scomparsa e la sua famiglia, molto conosciuta e stimata nel paese.

San Sebastiano

Lunedì, 18 gennaio 2021

L'articolo San Sebastiano, niente panderas in chiesa. Ollastra piange Jessica sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.