L'uomo, un pescatore di 38 anni di Calasetta, ha ottenuto la condizionale ed è tornato in libertà

SAN GIOVANNI SUERGIU. Fermato dai carabinieri a un posto di blocco per un controllo di routine, aveva in auto quasi mezzo chilo di marijuana. Ezio Massa, pescatore 38enne di Calasetta residente a Sant’Antioco, è già comparso la mattina del 14 aprile davanti al giudice nel tribunale di Cagliari e ha patteggiato una pena di 14 mesi di reclusione, ottenendo anche la condizionale, per cui dopo la sentenza è tornato in libertà. L’arresto era avvenuto ieri sera sulla strada provinciale 77 a San Giovanni Suergiu. I carabinieri della aliquota Radiomobile della Compagnia di Carbonia unitamente a quelli della stazione di Tratalias, durante un normale servizio di controllo del territorio hanno fermato una Citroen Berlingo. Al volante c’era Ezio Massa, vecchia conoscenza delle forze di polizia per fatti di droga: sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di oltre 400 grammi di marijuana custodita in una busta all’interno dell’abitacolo dell’autovettura. Subito l’arresto e questa mattina il processo con pena patteggiata. (l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.