Samassi, tra i casi positivi in paese ci sono anche alcuni minori e una persona è ricoverata in ospedale: nelle prossime ore potrebbero essere adottate nuove misure restrittive per arginare la diffusione del coronavirus.  La situazione a Samassi è in continua evoluzione. Al momento, degli 11 casi rilevati nessuno è in gravi condizioni. Si è in presenza di un solo ricovero ospedaliero mentre gli altri positivi, appartenenti a vari nuclei familiari, sono in quarantena presso le rispettive abitazioni. Tra i casi di positività ci sono anche alcuni minori. Sono in corso le attività di ricostruzione della rete dei contatti al fine di sottoporre a tampone tutte le persone interessate.“Si ricorda – spiega il sindaco Enrico Pusceddu – che l’essere positivi al COVID-19 non è una colpa e tantomeno si può imputare a chi già patisce la malattia alcuna responsabilità di contagio verso gli altri.L’unica condotta da condannare è quella perseguita da coloro che non rispettando le prescrizioni di sicurezza mettono in pericolo la salute pubblica oltre che la propria.Nelle prossime ore si valuteranno le azioni da intraprendere per arginare al meglio l’eventuale e ulteriore diffusione del virus a Samassi. Al permanere o al peggiorare della situazione di criticità ordinerò misure di contenimento del COVID-19 nell’intero territorio comunale”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.