Samassi è un paese in lutto. Piange la prematura scomparsa di Davide Trudu, il trentenne che ieri sera è rimasto vittima di un grave incidente con il trattore. Troppo gravi le ferite riportate. Ha combattuto tutta la notte ma alla fine si è arreso. Un severo trauma cranico lo ha fatto sprofondare in un coma dal quale non si è più risvegliato, lasciando nel dolore la sua famiglia, la fidanzata e i suoi tanti amici.Una tragedia quella accaduta ieri intorno alle ore 20 in via Emanuela Loi. Davide era sul mezzo agricolo in compagnia di un suo compaesano. Dalle prime ricostruzioni si trovava in piedi durante il transito del mezzo quando ha perso l’equilibrio ed è caduto rovinosamente a terra. Nell’impatto l’uomo ha sbattuto violentemente il capo. Immediati i soccorsi; sul posto è intervenuto anche l’elisoccorso che lo ha trasportato al Brotzu dove è spirato questa mattina.Davide era molto conosciuto in paese. Un gran lavoratore, soprattutto nel settore agricolo, sempre sorridente, ben voluto da tutti; ogni anno partecipava alla processione di Sant’Isidoro, immancabile appuntamento per stare in compagnia dei suoi tanti amici. La nefasta notizia l’ha comunicata il sindaco Enrico Pusceddu; “Ciao Davide…” un saluto commosso, subito colto dalla popolazione, che attendeva un risvolto diverso che purtroppo non è avvenuto, al quale si sono uniti quelli di tutti coloro che lo conoscevano. “Fai buon viaggio caro Davide”, un’altra giovane vita spezzata troppo presto.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.