“ln Sardegna solo turisti sani che pagano, non persone poco sane pagate per fare i turisti. E dobbiamo diventare come le isole della Grecia”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, oggi a Cagliari per l’udienza di un processo contro un militante della sinistra, annuncia il pressing sul Governo Draghi per arginare il fenomeno dell’immigrazione clandestina in Sardegna e il sostegno alla proposta del passaporto sanitario chiesta a gran voce dalla giunta Solinas. Nel corso della conferenza stampa finale, con accanto il presidente sardo, durata meno di un’ora, Salvini ha anche detto la sua sui ministri e sottoministri della Lega che sono entrati nel nuovo Governo. In mattinata, dopo il pranzo con Solinas, Salvini ha anche incontrato tutti i rappresentanti sardi leghisti. Come spiega, su Facebook, il presidente del Consiglio regionale, Michele Pais – che ha mostrato tutti gli amministratori comunali e regionali in collegamento, “la rete e lo stretto collegamento con gli amministratori locali è fondamentale per un lavoro che parta dall’ascolto delle comunità per meglio comprenderne i bisogni e quindi individuare le migliori soluzioni. Con perseveranza ma anche con tanta umiltà”.

L'articolo Salvini a Cagliari: “In Sardegna sì al passaporto sanitario e basta clandestini: vogliamo turisti che pagano” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.