Per salvaguardare la Chiesa di Sant’Efisio è stato siglato l’accordo di collaborazione tra il Comune di Nora e l’Università di Cagliari.  Stamattina a Nora la sindaca Carla Medau e il Prof. Massacci hanno firmato l'”Accordo di collaborazione tra Università di Cagliari (D.I.C.A.AR.) e il Comune di Pula riguardante i lavori di messa in sicurezza della Chiesa di Sant’Efisio a Nora”. L’accordo stipulato consiste in uno studio tecnico scientifico sulle modalità di intervento e sulla valutazione degli attuali livelli di sicurezza, conservazione e valorizzazione del bene architettonico.“Un piccolo investimento della nostra Amministrazione – spiega la sindaca – che avrà un beneficio diffuso e concreto per la difesa della Chiesa di Sant Efisio” .Ad ottobre sono previsti i primi interventi per eliminare le infiltrazioni d’acqua, la sostituzione delle travi in legno del portico e la messa in sicurezza del campanile a vela. Il costo è di circa 100.000 € di cui € 78.400,00 di fondi RAS e la restante parte sarà coperta con fondi di bilancio comunale.“Il nostro impegno per la Chiesa di Sant’Efisio non è solo di carattere politico o professionale bensì è di tipo affettivo ed emozionale, tutti la sentiamo come parte della nostra famiglia, per questo gli Assessori e i consiglieri di maggioranza, il Parrocco don Marcello i confratelli della Confraternita di Sant’Efisio hanno voluto presiedere alla firma dell’accordo.Abbiamo inoltrato alla Ras una richiesta di finanziamento per un progetto più ampio pari a 500.000,00 euro per un restauro definitivo. Inoltre stiamo collaborando reciprocamente con la Città Metropolitana per il medesimo obiettivo, perchè la Chiesa è un patrimonio dell’intera Sardegna”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.