Otto mesi, non consecutivi, ma che hanno comunque spezzato le gambe ai lavoratori, oltre cento, delle due sale bingo di Cagliari e Quartu, in via Calamattia e in via Brigata Sassari. Il 19 ottobre scorso la mini boccata d’ossigeno con la chiusura alle 21, poi il nuovo lockdwon. Totale. E ancora attivo, almeno sino al prossimo cinque marzo. E le casse vuote, ormai, sono diventate “case” di ragnatele. La società che gestisce entrambe le sale è, ovviamente, in crisi, idem i dipendenti. E dallo Stato, fatto curioso, non sarebbero arrivate quelle carriolate di ristori promesse. I numeri li snocciola Massimiliano Orlandini, 52 anni, amministratore: “Meno dell’uno per cento della perdita di fatturato, del 2019, di tre milioni di euro. E si tratta di oltre il sessanta per cento, anno su anno sarebbe del cinquanta ma siamo già arrivati a febbraio”. Numeri choc, che lasciano davvero poco spazio alle interpretazioni. “E pensare che abbiamo sempre garantito la massima sanificazione e distanziamento possibile, proprio per una questione di sicurezza”. Non è però bastato a evitare la chiusura.

 

“I nostri cento dipendenti sono in sofferenza, hanno solo una misera cassa integrazione che copre il 40 per cento dell’intero stipendio mensile”. E i clienti? “Molti mi stanno chiamando, chiedendo quando riapriremo: da noi ha sempre prevalso la socialità, non certo le scommesse. Chi cerca quelle le fa online, spesso dando soldi a siti esteri. Il bingo è sempre stato strutturato per le famiglie. Siamo molto preoccupati soprattutto di non poter ripartire, quando sarà possibile, perchè i nostri ragazzi stanno davvero soffrendo. Abbiamo anche bloccato i mutui, ma solo perchè noi siamo un’azienda privata: lo Stato, invece, non l’ha fatto”.

L'articolo Sale bingo chiuse a Cagliari e Quartu: “Otto mesi senza vendere una cartella, situazione drammatica” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.