Il 13 luglio, nelle primissime ore della notte a Gonnesa, in loc. Seruci, i Carabinieri del NOR della Compagnia di Iglesias al temine di un servizio di prevenzione nel territorio hanno arrestato per furto aggravato, in concorso un 35enne, un 45enne e un 46enne, tutti di Carbonia e gravati da pregiudizi di polizia. I tre sono stati fermati a bordo di una Fiat punto immediatamente dopo aver asportato circa 80 kg di cavi elettrici di rame dal dismesso sito minerario di Seruci, in capo alla Carbosulcis spa. Durante la perquisizione veicolare sono state rinvenute una sega per ferro, una tenaglia per ferro, una fune della lunghezza di circa 15 metri, utilizzata per agganciare ed abbassare i cavi in linea aerea e 2 torce a led, tutte sottoposti a sequestro penale, mentre i cavi in rame sono stati restituiti all’avente diritto. Al termine delle formalità di rito i tre arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza dell’Arma e nella mattinata odierna verranno trasferiti presso il Tribunale di Cagliari per essere sottoposti a rito per direttissima.

L'articolo Rubano 80 kg di cavi di rame dalla Carbosulcis, 3 persone arrestate a Gonnesa proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.