Tragedia nella notte nelle campagne del paese: i vigili del fuoco hanno spento le fiamme e poi scoperto dentro il mezzo il cadavere. L'uomo ucciso dalle esalazioni del fumo mentre dormiva

SAN SPERATE. Tragedia durante la notte a San Sperate, nell'hinterland di Cagliari. Giuseppe Carta, collaboratore scolastico di 62 anni, è morto intossicato dal monossido di carbonio sprigionato da un incendio scoppiato nella roulotte dove stava dormendo. L'allarme è scattato intorno alle 22.30, in località Su Mori Is Sinziris, quando alcune persone hanno visto le fiamme e dato l'allarme.

Sul posto sono subito arrivate le squadre dei vigili del fuoco e i carabinieri della Stazione di San Sperate. Il fuoco aveva già avvolto la roulotte e si era propagata a un casolare prefabbricato che si trovava accanto. I vigili del fuoco hanno cercato di spegnere velocemente il rogo, ma solo quando gran parte delle fiamme erano state estinte è stato scoperto il cadavere del 62enne.

Sul posto sono arrivate anche le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Iglesias, competente per territorio e il medico legale. Dagli accertamenti è emerso che il 62enne è morto per le esalazioni del fumo. Probabilmente dormiva mentre la roulotte veniva avvolta dalle fiamme. Al momento le cause del rogo non sono state accertate con precisione, ma è stata esclusa la matrice dolosa. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.