Gli aumenti dei prezzi da parte di alcuni parrucchieri ed estetiste che hanno cancellato dagli scontrini la voce “tassa Covid” ma, contemporaneamente, hanno alzato il costo di un taglio o di una ceretta? Ci sono anche a Cagliari, come denunciato dal presidente dell’Adiconsum Sardegna Giorgio Vargiu. Ma, ovviamente, non sono tutti. Vargiu ha affermato che “hanno già ricevuto i contributi dallo Stato per sanificare”. Roberto Pisano, parrucchiere cagliaritano di 55 anni, da diciassette ha un salone in via Palestrina: “No alla caccia alle streghe, io non ho ricevuto nulla dallo Stato ma, anzi, ho dovuto spendere di tasca mia per sanificare. Ho fatto la richiesta, so che è prevista una percentuale che non ricopre tutte le spese. Non ho aumentato i prezzi”, afferma Pisano, “e ho ripulito tutto di tasca mia. Ho utilizzato alcol e varechina, spruzzando l’amuchina pure sulle pareti. Non posso utilizzare il pennellino, consumo dischetti di cotone oltre a mantelline, asciugamani e girocollo monouso e altro alcol per sanificare l’attrezzatura. Ogni cliente mi costa 1,50 euro in più rispetto al passato”.

Soldi dallo Stato, quindi, zero: “Non sono obbligato a chiamare una ditta per fare le pulizie. Tra l’altro, il modulo per i rimborsi l’ho compilato e spedito già da un po’. Alcuni colleghi hanno alzato i prezzi? Ognuno è libero di fare ciò che vuole”.

L'articolo Roberto, parrucchiere di Cagliari: “Rimborsi per la sanificazione del locale? Non ho visto un centesimo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.