Si sono fronteggiati stanotte, intorno alle 2, due gruppi di algerini, rispettivamente di 8 e 5 persone, ospiti del Compendio dell’Ex Scuola Penitenziaria di Monastir. La lite sarebbe nata per futili motivi ed è degenerata fino all’utilizzo di oggetti atti ad offendere.

L’immediato intervento del Funzionario di turno della Questura di Cagliari che ha coordinato i militari del IX Battaglione dei Carabinieri e del personale della Polizia di Stato, già impegnati nei servizi di vigilanza presso la struttura, ha riportato in breve tempo la calma e ha impedito conseguenze ben peggiori.

Tre persone sono state trasportate in ospedale per aver subito delle lesioni, due delle quali in modo lieve, una invece in codice rosso, con ferite da taglio al volto e alla testa. Le tredici persone sono state tutte denunciate dalla Polizia di Stato per rissa e lesioni. A questi si aggiungono altri due algerini denunciati sempre per rissa e lesioni, per un episodio analogo accaduto la sera prima.

Ora saranno gli esperti dell’Ufficio Immigrazione della Questura a valutare la posizione dei 15 stranieri per l’adozione di ulteriori provvedimenti amministrativi nei loro confronti.

L'articolo Rissa e lesioni, denunciati 15 algerini ospiti del centro di accoglienza di Monastir proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.