In Sardegna 16 centri in zona rossa. Il commissario Temussi: "Ma con i lockdown mirati si riesce a congelare la situazione"

SASSARI. La risalita del virus, dopo tre settimane di zona bianca, è cominciata dai piccoli centri: il grosso del contagio si è sviluppato al di fuori dalle grandi aree metropolitane: «Dalla ripartenza è stato così - dice il commissario dell’Ats-Ares, Massimo Temussi -. Per certi versi è stato un bene: nelle aree urbane sarebbe stato più problematico mentre con lockdown mirati si riesce a congelare la situazione».

Sono intanto diventati 16 i Comuni sardi in zona rossa. Forse qualcosa non sta funzionando, perché il contagio si sta espandendo verso comunità più grandi: Sassari, Nuoro, Maomer, Alghero (dove c'è stato un boom di casi): la situazione peggiora ovunque. Soprattutto c’è un nuovo aumento dei ricoveri: 297 i pazienti attualmente in reparti non intensivi (+19) e 47 (+2) in terapia intensiva. Anche il monitoraggio dell’agenzia Agenas segnala in Sardegna un incremento dei ricoveri Covid-19: in una sola settimana è stato del 7% nei reparti di terapia intensiva.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.