Una busta bianca, bella piena, lasciata sopra un mastello blu fuori da un palazzo di via Cherubini a Cagliari. Quello che potrebbe sembrare il classico gesto di un cittadino che si deve disfare dei propri rifiuti, però, assume ben presto i contorni di un rimprovero in piena regola. Chi cerca di lasciare la propria immondezza sopra un bidoncino non suo è una signora di circa settant’anni, chi la sorprende e la filma è un giovane che abita in una via non troppo distante. Smartphone acceso, l’uomo inizia a riprendere la “furbetta” e, semplicemente, le chiede: “Signora, perchè sta buttando la spazzatura lì? Quello non è il suo mastello”. La donna, sorpresa, riprende in mano il bustone e replica: “No, infatti lo sto prendendo. Ma perchè mi segue? Non ha altro da fare che rompere l’anima agli altri?”. Una risposta alquanto velenosa, ma il giovane la incalza: “La spazzatura non la deve buttare in strada, la prenda”. E lei, un po’ irritata, si allontana stringendo la busta nella mano sinistra.Un gesto, quello ripreso, che non sarebbe un fatto isolato. Il ragazzo ha spedito il video alla nostra redazione e, contattato, spiega: “La donna abita in un’altra via, non è la prima volta che cerca di disfarsi così dei rifiuti. Stavolta ho deciso di seguirla, spero che non lo faccia più”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.