L'aggressore si è intascato anche il bancomat per il reddito di cittadinanza

CARBONIA. Aggredisce e riempie di botte un passante e gli porta via il cellulare, lo zainetto e la carta di credito del reddito di cittadinanza. E’ accaduto ieri era 6 marzo in via Messina, ma poco più tardi il rapinatore è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri della Compagnia di Carbonia. In manette è finito un 22 nigeriano, già noto alle forze di polizia, che domani 8 marzo sarà accompagnato in tribunale a Cagliari per il giudizio direttissimo. Il giovane straniero, secondo quanto accertato dai carabinieri e confermato dalla vittima che lo ha riconosciuto, avrebbe aggredito un 45enne del luogo, residente in via Sicilia, conosciuto in caserma per vicende di droga.

Dopo averlo preso per il collo e immobilizzato, gli ha sferrato una raffica di pugni e schiaffi al volto, sottraendogli infine ed impossessandosi del suo telefono cellulare, dello zaino con all’interno documenti personali e un bancomat per il reddito di cittadinanza. L’aggressore, dopo averlo trascinato in strada per alcuni metri, afferrava una vanga presente nel giardino di un’abitazione vicina e tentava di colpire la vittima che riusciva però a scappare. Le immediate ricerche hanno consentito ai carabinieri, incontrati nella vicina piazza Marinai D’Italia dalla terrorizzata vittima che forniva una particolareggiata descrizione dell’aggressore, di rintracciare l’autore del reato che aveva ancora con se il telefono, lo zaino e tutti gli altri effetti personali sottratti alla vittima.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.