Le visite ai parenti ricoverati nelle case di riposo private in Sardegna? In alcuni casi sono nuovamente possibili, in altri, a quanto pare, no. Danilo Demontis, 51enne di Gergei, ha contattato la nostra redazione: “Mia suocera ha ottant’anni e vive, da circa un anno, in una casa di riposo privata della città. L’ultima volta che io e mia moglie l’abbiamo vista di persona è stato lo scorso tre marzo. Poi, con l’emergenza Coronavirus, ci siamo dovuti accontentare delle videochiamate. Ora, però, non bastano più: il lockdown è finito, ma dalla struttura continuano a dirci che non possono ancora riaprire alle visite. Abbiamo chiesto spiegazioni e ci è stato risposto che mancano delle autorizzazioni, ma non si sa bene da parte di chi”, afferma Demontis.

“La nostra parente sta bene, fortunatamente, ed è seguita in tutto e per tutto. Noi vorremmo riabbracciarla al più presto, anche i suoi due nipotini non vedono l’ora. Lancio un appello alle istituzioni: è possibile consentire al cento per cento le visite dei parenti nelle case di riposo? Alcuni miei conoscenti si trovano nella stessa situazione, anche loro si lamentano e sono desiderosi di poter rivedere, dal vivo, i propri cari”.

L'articolo “Riaprite alle visite le case di riposo sarde, da tre mesi posso vedere mia suocera solo in videochiamata” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.