Il mondo spera, i mercati ci credono, gli scienziati ci puntano: e' l'antivirale Remdesivir, un medicinale originariamente sviluppato per combattere l'ebola, che, stando a quanto comunica il portale sanitario Stat, dimostrerebbe una straordinaria efficacia nei confronti del coronavirus.

In particolare, i fari sono puntati sull'ospedale di Chicago: quasi tutti i 125 pazienti - di cui 113 gravi - curati ogni giorno con il Remdesivir sono stati dimessi nel giro di una settimana.

Anche se ancora non ci sono conferme indipendenti dei risultati, l'impatto sulle borse è stato immediato.Secondo l'analista Joshua Mahony di Ig, citato dal Guardian, "i risultati di Chicago hanno portato una nuova ondata di ottimismo sui mercati, molto vedono questo come un possibile inizio della fine della crisi da coronavirus". L'ampiamente citato portale 'Stat' riferisce di una videoconferenza dell'università di Chicago - la cui veridicità è stata confermata dai partecipanti - nella quale si mostrano i risultati della somministrazione dell'antivirale: i pazienti trattati hanno rapidamente superato i classici sintomi del Covid-19, ossia la febbre e le affezioni dell'apparato respiratorio. Ma soprattutto, quasi tutti i soggetti sottoposti alla sperimentazione hanno potuto lasciare l'ospedale nel giro di sette giorni.

"Questa è una grande notizia, e sono stati solo due i decessi", ha commentato Kathleen Mullane, la specialista esperta di virologia dell'Università di Chicago incaricata di supervisionare gli studi sul Remdesivir per l'ospedale della città americana.

Si esprime invece con cautela la stessa azienda farmaceutica Gilead Sciences, affermando che "stiamo ancora aspettando ulteriori dati dagli altri studi in corso". È sempre 'Stat' ad affermare che la sperimentazione con il Remdesivir è in corso anche presso altre istituzioni sanitarie o scientifiche, ma sottolinea comunque che "c'è grande eccitazione" sulla vicenda.

Non è la prima volta che si parla del medicinale della Gilead come di una sostanza moto "promettente". A quanto sottolinea Stat, si tratta di un farmaco che inibisce la replicazione del genoma dei cosiddetti virus a Rna, classe di virus a cui appartengono quelli della Sars, della normale influenza, dell'ebola, dell'epatite C e, appunto, del Covid-19.

Non a caso, l'Oms aveva posto già tempo fa il Remdesivir tra le priorità nella ricerca facendo in modo che venisse testato a livello mondiale come medicinale anti-coronavirus all'interno dei cosiddetti 'Solidarity Studies".

Questo mentre l'Agenzia europea per i medicinali (Ema, European Medicines Agency) ha raccomandato ad inizio aprile di ricorrere a questo antivirale come alternativa di cura per i malati più gravi. Tra gli altri, anche l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) "ha autorizzato il programma di uso compassionevole del medicinale antivirale Remdesivir nei soggetti con polmonite da Covid-19", sottolineando che "tale programma e' attivo in 10 studi clinici italiani". Idem l'Istituto tedesco per i medicinali (Bfarm), che ha permesso di testare l'antivirale con i pazienti più gravi, pur aggiungendo sulla sua pagina Internet che "non è presente ancora una concessione ufficiale" con indicazioni mediche specifiche.

Anche gli analisti di Goldman Sachs consigliano prudenza agli investitori: il Remdesivir potrebbe rappresentare una ipotesi valida di cura contro il Covid, ma si tratta comunque finora della conclusione di un unico studio. A detta della banca d'affari americana, i dati riportati il 10 aprile dal New England Journal Medicine sono sicuramente "degni di nota" e dimostrano che il farmaco "ha un certo grado di attività clinica" ma si preferisce comunque attendere quelli definitivi degli ultimi test, previsti per la fine di questo mese (sui pazienti gravi) e a fine maggio (sui pazienti di moderata gravita').

"Avvertiamo - dicono gli analisti - che questi dati non sono stati rilasciati o verificati da Gild" (ossia la Gilead Sciences Inc). Proprio perché intorno al farmaco si è creata una notevole animazione e molta aspettativa, si sono mosse anche altri analisti di primo piano: Michael J. Yee di Jefferies ritiene che le notizie in arrivo da Chicago siano da valutare positivamente, ma ipotizza che il titolo di Gilead torni a calare quando si comprenderà che non siamo ancora alla determinante "fase tre" della sperimentazione.

Fonte: Agi

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.