'Giulio incarnava la parte più bella di questo Paese'

(ANSA) - TRIESTE, 03 FEB - "3.02.2016... 3.02.2021". Così la mamma di Giulio Regeni, Paola Deffendi, ricorda in un post su Facebook i cinque anni esatti trascorsi dal giorno del ritrovamento del cadavere del ricercatore di Fiumicello (Udine) lungo un'autostrada che collega Il Cairo ad Alessandria d'Egitto.

Oltre alle due date, Deffendi condivide sul social anche un post del collettivo 'Giulio Siamo Noi' risalente a due anni fa.

"Da quel 3 febbraio 2016 siamo tutti un po' cambiati, Giulio", scriveva allora il collettivo. "In questi tre anni abbiamo imparato a conoscere un ragazzo che incarnava la parte più bella di questo Paese, in cui tanti ci riconosciamo. Da quel giorno viviamo tutti in modo più consapevole e critico". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.