“La parola chiave di questa legge è la riqualificazione, due sono i concetti portanti: uno è quello della salvaguardia e del rispetto delle nostre coste, del nostro ambiente, l’altro punto è che abbiamo creato, con questa legge, occasioni di sviluppo e di lavoro vero. Abbiamo fatto questa legge perché è una sorta di chiave che accende il motore della ripresa, tutto il sistema di economia circolare verrà messo in moto quindi i professionisti, gli imprenditori, gli artigiani, tutto ciò che è collegato si rimette in moto creando lavoro vero, occupazione vera e non sistemi di assistenza parassitaria.

L’accusa di cementificazione delle coste è stata rimandata al mittente e con atti concreti perché nei 300 metri si è stabilito che le cubature sono pari a zero. Oltre i 300 metri permettiamo una riqualificazione anche con bonus volumetrici importanti, una riqualificazione urbanistica, un adeguamento ai canoni di risparmio energetico, la possibilità di migliorare lo stabile, di abbattere e ricostruire, quindi un’occasione storica anche per abbattere mostri che sono stati costruiti negli anni 60-70-80 e anche 90 e la possibilità di riqualificare il territorio con materiali idonei, sfruttando anche il messaggio di identità che qualifica la costruzione Sarda, la sua cultura con la sua storia, con tutto ciò che noi dobbiamo mostrare ed essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto”.

Quindi cosa cambierà esattamente per i cittadini?

“La possibilità, intanto, di avere un incremento di 150 metri cubi, si possono costruire due stanze, per esempio, e l’intento è quello di migliorare e riqualificare.

Qui stiamo parlando di agire sul costruito migliorandolo, dando la possibilità di recuperare anche vecchi stabili, di potergli ridare vita.

Oggi alla politica del No finalmente è sorta la politica del Sì, come un sole che sorge all’alba illuminerà sicuramente tutto il panorama economico sardo; noi oggi abbiamo assegnato l’era di una nuova alba, di una nuova luce dopo il periodo oscuro di questa pandemia, di una crisi che ha portato a perdere nel settore dell’edilizia 37 mila posti di lavoro”.

 

Risentite qui l’intervista a Quirico Sanna

https://www.facebook.com/castedduonline/videos/702423480420815/

e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

L'articolo Quirico Sanna, assessore all’urbanistica regionale, a Radio Casteddu: “Il Piano Casa riqualificherà e porterà lavoro” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.