Indagini dei carabinieri, era un 'regolamento di conti'

(ANSA) - RIMINI, 13 APR - Sono quattro e tutte di età compresa tra 13 e 15 anni le protagoniste di un'aggressione a una tredicenne, il 20 dicembre nei pressi della spiaggia antistante il Piazzale Roma di Riccione. A dimostrarlo sono state le indagini dei carabinieri della stazione riccionese, avviate a seguito della denuncia presentata dalla vittima e dai propri genitori: una attività di acquisizione e analisi dei filmati degli impianti di videosorveglianza del centro, che hanno consentito di ricostruire gli attimi dell'aggressione da cui la tredicenne era riuscita a sottrarsi, solo a seguito dell'intervento di alcuni componenti della propria comitiva.

Un 'regolamento di conti': da quanto ricostruito la vittima si sarebbe invaghita di un giovane coetaneo già finito, però, nel mirino di una delle assalitrici.

E così, dopo le 'promesse' via social, il 21 dicembre è scattata l'aggressione: due quindicenni, una tredicenne e una quattordicenne, tutte del posto (due residenti a Misano Adriatico, una a Riccione ed una a Rimini), hanno accerchiato la vittima e l'hanno colpita con calci e schiaffi per poi fuggire via.

Identificate e denunciate alla Procura per i Minorenni di Bologna, le quattro amiche dovranno ora rispondere di lesioni personali aggravate. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.