Quattro pazienti ammalati di Covid morti in tre giorni nel pronto soccorso dell’ospedale San Martino di Oristano nell’attesa di essere smistati in altri ospedali della Sardegna. E il neo direttore della Asll di Oristano, Angelo Maria Serusi, dice basta ai ricoveri in un ospedale, come quello di Oristano, non attrezzato a gestire pazienti che abbiano contratto il virus. La vicenda è di quelle destinate a fare rumore, sicuramente anche oltre i confini della Sardegna. Anche perché, nei giorni precedenti, il ricovero per alcuni pazienti sicuramente positivi al Covid era stato accettato.

“Non siamo attrezzati per gestire i pazienti malati di Covid, nei giorni scorsi li abbiamo accettati pur di non lasciarli in pronto soccorso, ma non possiamo fornire loro le cure adeguate”. Una volta arrivati all’ospedale di Oristano i pazienti vengono dunque smistati in altri presidi della Sardegna, di solito a Cagliari per la vicinanza e la maggiore disponibilità di posti letto. Sempre che l’attesa non diventi loro fatale, come nel caso dei 4 pazienti morti in pronto soccorso.

 

L'articolo Quattro pazienti Covid morti in 3 giorni al pronto soccorso di Oristano, arriva lo stop ai ricoveri proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.