Quartucciu, un uomo getta dal cofano della macchina 3 gattini con violenza: un cittadino si accorge del fatto, scatta alcune foto e denuncia alle forze dell’ordine.Dove non arriva l’occhio delle telecamere della videosorveglianza cittadina, ci sono i residenti che, telefono in mano, sempre più spesso riescono a catturare con l’obiettivo il reato e il viso di chi l’ha commesso.A Quartucciu questa mattina in Località Pill’ ‘e Matta, nei pressi di un supermercato, “verso mezzogiorno nel fare inversione poco più avanti – racconta il testimone – abbiamo notato un’auto, una C3 di colore nero, nello sterrato adiacente la rivendita auto. Questa si è fermata all’interno del terreno e il conducente del veicolo, con fare circospetto, ha aperto il cofano e buttato con violenza 3 cuccioli di gatto. Abbiamo fotografato il veicolo e anche il conducente e allertato tempestivamente le competenti forze dell’ordine”. Purtroppo i vigili del fuoco hanno tentato di recuperare le tre bestiole che, sicuramente spaventate, si sono dileguate nei terreni adiacenti.Un gesto da condannare fermamente ed è bene ricordare che l’abbandono degli animali è severamente punito dalla legge. “Ci ha guardato con volto minaccioso appena ha notato che lo abbiamo fotografato” racconta la testimone che spera in un lieto fine per i tre gattini abbandonati.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.